La presente informativa rappresenta un adempimento previsto dal Regolamento (UE) 2016\679, Regolamento Generale sulla Protezione dei dati (d’ora in poi, RGPD), che, ai sensi degli artt. 13 e 14, prevede l’obbligo di fornire ai soggetti interessati le informazioni necessarie ad assicurare un trattamento dei propri dati personali corretto e trasparente. 

Tale informativa, dunque, è rivolta a coloro che svolgono prestazioni per la FIPIC in qualità di collaboratori esterni o incaricati di determinate attività.

1. Soggetti del trattamento.

Il Titolare del trattamento dei dati è la FIPIC, con sede in via di Quarto Peperino, 22, 00188 Roma, tel: 0699332506.
Il Responsabile del trattamento è la persona fisica o giuridica, l’Autorità pubblica, il servizio o altro organismo che tutela dati personali per conto del Titolare del trattamento. I trattamenti da parte di un Responsabile del trattamento sono disciplinati da un contratto o da altro atto giuridico, che vincoli il Responsabile del trattamento al Titolare del trattamento.
Soggetti autorizzati al trattamento dei dati personali sono le persone fisiche che operano sotto l’autorità diretta del Titolare (artt. 4.10, 29, 32.4, RGPD).
Il Responsabile della protezione dei dati è l’avv. Domenico Viola, contattabile al seguente indirizzo e.mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

2. Tipi di dati trattati.

Nell’ambito del rapporto di collaborazione possono essere trattati:

- Dati idonei a rivelare l’origine razziale ed etnica ai fini dell’instaurazione e della gestione del rapporto di collaborazione con eventuali soggetti stranieri;
- Dati sensibili e giudiziari che rilevano nell’ambito di procedimenti a carico dei collaboratori od incaricati e, in generale, nei giudizi che coinvolgono collaboratori o incaricati e pendenti innanzi a tutte le Giurisdizioni;
- Dati sui mandati di pagamento, certificazione dei redditi e\o compensi, trattati anche con modalità telematica.

3. Finalità del trattamento e base giuridica.

I dati da Lei forniti, sia preventivamente al rapporto di collaborazione, che nel corso o dopo la cessazione dello stesso, relativi a Lei ed alla Sua famiglia, sono raccolti ed utilizzati nei limiti stabiliti dalla legge e dai regolamenti.
I Suoi dati sensibili e giudiziari sono trattati esclusivamente per le finalità istituzionali previste dalla legge o autorizzati dal Garante per la protezione dei dati personali.
I dati sensibili e giudiziari sopra indicati, inerenti il rapporto di collaborazione, raccolti sia presso gli interessati che presso terzi, vengono trattati dagli uffici e\o strutture e\o settori competenti della FIPIC, sia su base cartacea che su base informatica.
Per i dati trattati con l’ausilio di strumenti elettronici, i sistemi informatici sono dotati di misure di sicurezza atte a prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
La base giuridica del trattamento trova fondamento negli artt. 6.1, 9 e 10 del RGPD.

4. Modalità di trattamento.

Per trattamento si intende qualsiasi operazione o insieme di operazioni, compiute con o senza l’ausilio di processi automatizzati e applicate a dati personali o insieme di dati personali, come la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la strutturazione, la conservazione, l’adattamento o la modifica, l’estrazione, la consultazione, l’uso, la comunicazione mediante trasmissione, diffusione o qualsiasi altra forma di messa a disposizione, il raffronto o l’interconnessione, la limitazione, la cancellazione o la distruzione (art. 4 n. 2 RGPD).
In particolare, si evidenzia che i dati personali richiesti e acquisiti, e i dati prodotti alla FIPIC sono raccolti e trattati sia in forma cartacea, sia con strumenti elettronici, per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali della Federazione, specificatamente per ciò che concerne la corretta attuazione della gestione amministrativa degli incarichi e i relativi adempimenti.
Gli eventuali dati sensibili e\o giudiziari saranno trattati in conformità del RGPD. Il trattamento di particolari categorie di dati, in particolare quelle di cui all’art. 9 del RGPD, avviene esclusivamente per le finalità istituzionali previste dalla legge ed inerenti allo svolgimento del Suo incarico.
Il trattamento sarà effettuato per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e con l’impiego di misure di sicurezza idonee ad impedire l’accesso ai dati da parte di personale non autorizzato, ed a garantire la riservatezza e integrità dei Suoi dati.
La FIPIC potrà effettuare eventuali forme di diffusione online di dati solo nei casi previsti da norme di legge o di regolamento.
La diffusione di dati sarà effettuata nel rispetto dei principi di minimizzazione, esattezza, pertinenza e non eccedenza previsti dal RGPD e dalle linee guida del Garante per la protezione dei dati.
È in ogni caso vietata la diffusione online dei dati idonei a rivelare lo stato di salute, in particolare, in via esemplificativa e non esaustiva, non è consentita la divulgazione di dati idonei a rivelare lo stato di salute all’interno di eventuali graduatorie e\o elenchi. In tali casi saranno utilizzate diciture generiche o codici numerici.
Nell’ipotesi di dati trattati con l’ausilio di strumenti elettronici, i sistemi informatici sono dotati di misure di sicurezza atte a prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
I dati resi anonimi possono essere utilizzati, anche in forma aggregata, al fine dell’elaborazione di rapporti statistici.

5. Periodo di conservazione dei dati.

I dati personali saranno conservati per la durata necessaria al raggiungimento degli scopi per i quali sono stati raccolti, nel rispetto degli adempimenti amministrativi, della normativa fiscale e civilistica e per le relative certificazioni.
Per quanto riguarda i dati personali inseriti nei sistemi informativi si rimanda ai principi di cui all’art. 5 del RGPD, per un arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità e con specifico riguardo al principio di limitazione della conservazione di cui all’art. 5.1, lett. e, del RGPD.

6. Conferimento dei dati.

La natura del conferimento dei dati personali sopra descritta è da ritenersi obbligatoria. L’eventuale rifiuto comporta l’impossibilità a svolgere le operazioni necessarie all’instaurazione ed alla gestione del rapporto di collaborazione.

7. Ambito di comunicazione.

L’accesso ai Suoi dati personali da parte delle strutture e dei dipendenti della FIPIC avviene esclusivamente per finalità istituzionali ed in linea con le previsioni legislative e regolamentari di riferimento in materia di collaborazioni ed obblighi fiscali, e tutto ciò che concerne l’amministrazione dei collaboratori. Nell’ambito delle finalità istituzionali, i dati possono essere comunicati a soggetti per cui la comunicazione è prevista obbligatoriamente da disposizioni comunitarie, norme di legge, regolamento o contratto.

8. Soggetti che potranno venire a conoscenza dei Suoi dati.

Potranno venire a conoscenza dei Suoi dati:


a) Personale della FIPIC, per svolgere attività di ricerca finalizzata ad analizzare possibili miglioramenti dei servizi, eventualmente anche in forma che non consenta la diretta identificazione dell’interessato;
b) Enti pubblici e privati, per la gestione di attività istituzionali proprie della FIPIC (ai sensi dello Statuto Federale, dei Regolamenti Federali e della normativa vigente);
c) CONI Servizi s.p.a., od eventualmente professionisti incaricati dell’elaborazione dei cedolini attestanti il compenso dovuto;
d) BNL s.p.a. – Gruppo PNP Paribas – filiale CONI – che provvede al pagamento dei compensi e di eventuali altri accessori;
e) Consiglieri Federali, in virtù di funzioni proprie, ovvero ad essi delegate ed inerenti al settore e\o struttura cui l’incarico attiene;
f) Incaricati del salvataggio dei dati federali e, quindi, autorizzati ad accedere al sistema informatico;
g) Consulenti della FIPIC incaricati dello svolgimento di attività legali e\o fiscali.
Qualora i Suoi dati dovessero essere comunicati a società, enti, organizzazioni o soggetti non compresi nell’elenco che precede, Le verrà fornita idonea comunicazione.

9. Diritti dell’interessato.

L’interessato ha diritto di:

a) Chiedere al titolare, ai sensi degli artt. 15, 16, 17, 18, 20 e 21 del RGPD, l’accesso ai propri dati personali, la rettifica o la cancellazione degli stessi (nei casi e nei limiti di legge), la limitazione del trattamento che lo riguarda (nei casi e nei limiti di legge), la portabilità dei dati; l’interessato ha, altresì, il diritto di opporsi al loro trattamento, nei casi in cui sia consentito.
La cancellazione non è consentita per i dati contenuti negli atti che devono obbligatoriamente essere conservati dalla FIPIC;
b) Revocare il consenso in qualsiasi momento, senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
c) Proporre reclamo ad un’Autorità di controllo.
I diritti sopra elencati sono esercitabili scrivendo al Titolare del trattamento oppure al Responsabile della protezione dei dati.

 

 

 

0
0
0
s2smodern

Ultime News

EURO2019 - L’ITALIA BATTE ANCORA LA...

Padroni di casa battuti 84 a 72; gli azzurri chiudono un...

L’ITALIA ACCEDE ALLA FINALE PER IL...

Francia sconfitta 63 a 51 nel primo crossover. Domani...

SI INFRANGE CONTRO LA TURCHIA IL SOGNO...

Italia sconfitta dai Campioni d’Europa in carica nei...
Joomla Extensions